Mario Mastrangelo (Salerno, 1946), docente di scienze naturali in pensione, compone versi nel dialetto della sua citt, ed ha

Mario Mastrangelo

(Salerno, 1946), docente di scienze naturali in pensione, compone versi nel dialetto della sua citt, ed ha pubblicato finora cinque raccolte di poesie: E penziere r' 'a notte (I pensieri della notte), Palladio, Salerno, 1992, 'E terature r' 'a mente (I cassetti della mente ) Ripostes, Roma-Salerno, 1994,'E ttegole r' 'o core, (Le tegole del cuore), Ripostes, Roma-Salerno, 1997, 'O ccuttone cu 'a vocca (Il cotone con la bocca) Ripostes, Roma-Salerno, 2000, e
Addó 'e lume e i silenzie (Dove i lumi e i silenzi), Ripostes, Roma-Salerno, 2004.

 

I suoi versi, scritti in un dialetto limpido e musicale, piegato dall'autore alle esigenze di espressione del suo universo poetico, sono sostenuti da un delicato gioco di rime e si immergono nei diversi spazi dell'interiorit, toccando temi talvolta complessi e dolenti.

Il contenuto pensoso , per, sempre accompagnato da una leggerezza dello stile e da immagini suggestive ed originali.

 

Sulla sua poesia hanno espresso giudizi lusinghieri i critici Giorgio Brberi Squarotti, Luigi Reina, Alberto Granese, Francesco DEpiscopo, Giorgio Linguaglossa, Francesco Piga, Vittoriano Esposito, Fulvio Tuccillo, Renato Casolaro, ed i poeti dialettali Luciano Zannier, Dante Maffia, Achille Serrao, Sergio D'Amaro, Assunta Finiguerra, Erminio G. Caputo, Marco Gal, Giorgio Carpaneto.

 

Commenti alla sua opera poetica sono inseriti in volumi di critica letteraria, come Appunti critici. La poesia italiana del tardo Novecento tra conformismi e nuove proposte, di Giorgio Linguaglossa, Roma, 2002, Edizioni Libreria Croce/Edizioni Scettro del Re, pp. 305-306, e Lo Specchio di Narciso, verifiche e sondaggi novecenteschi, di Luigi Reina, Roma 2002, Fabio Croce Editore, pp. 227-229, e presenti sulle riviste Piesis, il Belli, Periferie,Voci dialettali.

 

Il poeta ama leggere personalmente i suoi versi e li ha declamati in apprezzati reading di poesia, tenutisi in vari salotti, teatri e circoli culturali.

 

Ha vinto numerosi premi letterari. Diverse sue composizioni sono pubblicate su riviste e raccolte in antologie (tra queste: Dialetti d'Italia, vol. IV - Poeti e scrittori dialettali d'oggi, Roma, 1999, Poesia degli anni Novanta, Piesis, Roma, 2000, Il pensiero poetante, Il viaggio, Genesi Editrice, Torino, 2004)).

E' socio dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali

 

 


Traduzione inglese di Luigi Bonaffini

 


Ancora tanto> (Author's voice)


N' rimasto cu nuje ancora tanto,

'e rulore,

'e ffascine r' 'o tiempo

ll vicino se songo accise a spanne

pe' gghiuorne e gghiuorne fuoco,

ma abbrusciato nun l'hanno.

 

'O lligname s' sciuoto rint' fiamma,

ca ogni cosa ca tocca cunzuma,

ma 'o rulore rimasto,

preta nera e 'nfucata

mmiez' a nu lietto 'e cenere e fumo.

 

E l'anema ha capito finalmente,

mo nun aspetta cchi

c'attuorno ll s'appicciano ati vvampe,

piglia pe' terra 'a preta cucente,

s' 'a porta >mbraccio e ce pazza, e ce campa.

 

 

Ancora tanto

 

Ne rimasto con noi ancora tanto,

di dolore,

le fascine del tempo

l vicino si sono ammazzate

a spandere per giorni e giorni fuoco,

ma non l'hanno bruciato.

 

Il legno s' disciolto nella fiamma,

che ogni cosa che tocca consuma,

ma il dolore rimasto,

pietra nera e infuocata

in mezzo a un letto di cenere e fumo.

 

E l'anima ha capito finalmente,

non aspetta ora pi

che l attorno s'accendano altre fiamme,

prende per terra la pietra cocente,

la porta in braccio e ci gioca, e ci vive.

 

 

Still So Much

 

There is still so much pain

left in us

the brushwood of time

near there have tried and tried

for days to spread some fire,

but they didn=t burn it.

 

The wood melted in the flame,

that consumes everything it touches,

but the pain has remained,

black burning stone

in a bed of ashes and smoke.

 

And the soul finally understood,

but no longer expects

other flames to light up around there,

it pick up the hot stone from the ground,


and carries it in its arms, and lives with it.

 

 

 

 

Addó 'e lume e 'i silenzie (Author's voice)

 

Me voglio mette a scutuli stu cielo

come si fosse n=albero,

senza nisciuna raggia,

ma come pe= nu juoco

spenzierato >e guagliune,

c= >o rischio ca me vene a car ncapo

na preta janca e sfrantumata >e luna,

cvera ancora >e luce sunnulenta,

e a me levá o respiro

m=arrivano vulanno nfaccia >e stelle,

com=a ppalomme r=argiento cucente.

 

Scutuli, scutuli sempe cchi forte,

fin=a quanno ra >e rame scunfinate,

ca stanno assaje cchi ncoppa r= >a vertiggine

addó 'e lume e 'i ósilenzie

ca ce >ncantano notte songo appise,

scenne a mme com=a ffoglia tremulante,

niro >e pagliuzze o frutto,

>o senzo >e chello ca cc abbascio esiste,

>a spiegazzione ca ce svela tutto.

 


 

 

Dove i lumi e i silenzi

 

Mi voglio mettere a scuotere questo cielo

come se fosse un albero,

senza nessuna rabbia,

ma come per un gioco

spensierato di ragazzi,

col rischio che mi venga a cadere in testa

una pietra bianca e frantumata di luna,

ancora calda di luce sonnolenta,

e a togliermi il respiro, tutte assieme,

mi arrivino volando in faccia le stelle,

come farfalle d=argento cocente.

 

Scuotere, scuotere sempre pi forte,

fino a quando dai rami sconfinati,

che stanno assai pi sopra della vertigine

dove i lumi e i silenzi

che ci incantano di notte sono appesi,

scenda a me come foglia tremolante,

nido di pagliuzze o frutto,

il senso di quello che quaggi esiste,

la spiegazione che ci svela tutto.

 

 

Where Lights and Silences

 

I want to start to shake the sky

as if it were a tree,

without anger,

but like a playful

children=s game,

with the risk that a white and shattered

moonstone will fall on my head,

still warm with sleepy light,

and the stars come flying toward my face,

all together, to take my breath away,

like butterflies of burning silver.

 

Shaking, shaking harder and harder,

until from the boundless branches,

that lie much higher than the vertigo

where the lights and silences

that enchant us at night hang,

like a trembling leaf a nest or fruit

falls down to me,

the sense of what exists down here,

the explanation that reveals all.

 

 

>E ffaine (Author's voice)

 

L=ora ca nterra l=ombra

se fa ancora cchi muta,

ma rinto accva tracce

>e respire e presenze scunusciute.

 

L=ora ch= >e tutto chello

ca po= succere, >a notte

tene apierto >o ventaglio,

ma sulo >a faccia soja cchi turmentata

rint= l=aria addurmuta e fredda >ntaglia.

 

L=ora ca rint= capa ogni penziero

s=affanna, sbatte e >i surore se >mbnne,

inutilmente, pe= se fravec

ra sulo >e scelle r=angelo >e nu suonno.

 

L=ora ca pe= cerc na mnna >e luna

s=aza >o chianto r= >o lupo mannaro

e silenziose arrivano >e ffaine

a strazi r= >o cerviello >e gallenare.

 

 

Le faine

 

L=ora che in terra l=ombra

si fa ancora pi muta,

ma dentro nasconde tracce

di respiri e presenze sconosciute.

 

L=ora che di tutto quello

che pu accadere, la notte

ha aperto il ventaglio,

ma solo la sua faccia pi tormentata

nell=aria addormentata e fredda intaglia.

 

L=ora che nella testa ogni pensiero

s=affanna, sbatte e di sudore si bagna,

inutilmente per costruirsi

da solo le ali d=angelo di un sogno.

 

L=ora che per cercare una mammella di luna

s=alza il pianto del lupo mannaro

e silenziose arrivano le faine

a straziare i pollai del cervello.

 

 

The Martens

 

The hour when on earth the shadows

become even more silent

but inside hide traces

of unknown breathing and presences.

 

The hour when everything

that can happen, at night,

has opened the fan,

but it carves only its most tormented face

in the sleeping air.

 

The hour when inside the head every though

is anxious, it thrashes about and is covered with sweat,

uselessly, to create on its own

angel wings and sleep.

The hour when the howl of the werewolf rises

looking for a moonbreast

and silently the martens arrive

to torture the hencoops of the brain.

 

 

 

 

Si turnassero loro(Author's voice)

 

Si turnassero loro,

ca m'hanno fatto nasce

ncopp'a nu munno ancora taccariato

ra 'e curtielle r' 'a guerra,

e ca m'hanno saputo

ten stritto p' 'a mano,

cammenanno p' 'e vvie

scavate mmiez' ccase appezzentute,

io me putesse rgne 'e cuntentezza,

e na vota stutato 'o vampalorio

'e surpresa e paura ca pe' cchillu

turn 'mpruvviso s' appicciato 'mpietto,

me mettesse a cerc 'nt' stanze 'e l'nema

nu posto pe' nce sistem ruje liette.

 

Sulo ca forse me facesse russo,

russo p' 'o scuorno si uno 'e loro dduje,

mentre ca sta guardanno 'e ccose attuorno,

ra 'e lluce 'e chistu munno nuovo attratto,

m'addummannasse: *Ma tu po' r' 'a vita

ca nuje t'avimmo rata, che n'h fatto?+

 

 

Se tornassero loro

 

Se tornassero loro,

che mi hanno fatto nascere su un mondo

straziato

ancora dai coltelli della guerra,

e che m=hanno saputo

tenere per la mano,

camminando per strade

scavate tra le case impoverite,

di contentezza io mi potrei riempire,

e appena spento il fal di paura

e di sorpresa che per quel tornare

improvviso s= acceso dentro al petto,

mi metterei a cercare

nelle stanze dell=anima un posto

per disporvi due letti.

 

Solo che forse diventerei rosso,

rosso per la vergogna

se uno di loro due,

mentre le cose sta guardando intorno,

dalle luci di questo mondo attratto,

mi domandasse: *Ma tu della vita

che noi ti abbiamo data, che ne hai fatto?+

 

 

If They Came Back

 

If they came back,

they who gave me birth

upon a world still beaten

by the knives of war,

and who could

hold my hand tight,

walking through the streets

dug amid impoverished house,

I could be filled with happiness,

and once the bonfire of surprise and fear

that lit up in my heart at their sudden return

is spent, I would begin to look in the rooms of the soul

for a place to put two beds.

 

But maybe I would get red,


red from shame if one of them,

while looking at things around,

attracted by the light of this new world,

were to ask me: ABut you then,

what did you make of the life we gave you?@

 

 

 

>Fatto >e niente o >e suonne (Author's voice)

 

>E ccose overe, >e ccose cuncrete,

stanno facenno esse pesante >o munno,

tirano abbascio, so= maligne, >e file

e >i scelle culurate r= >e ccumete.

 

>A ggente sempe cchi

se lamenta pecch rint= materia

stretta senza vul ce s= truvata

le bastava, era meglio, esse sultanto

ra >a forza >e nu penziero >mmaggenata.

 

Criata ra quaccuno ca sapeva

fravec sulamente fantasie,

c=a na parvenza arredduceva >a vita

e l=ati ccose ca le stanno appriesso,

tanto forse mo pure

so= tutte quante fantasie >o stesso.

 

Esistenze chiamate

a camp sulo pe= se a cunfonne

cu l=azzurro sulenne stiso ncielo

e tutt= >o riesto fatto >e niente o >e suonne.

 

 

Fatto di niente o di sogni

 

Le cose vere, le cose concrete,

stanno facendo essere pesante il mondo

tirano gi, sono maligne, i fili

e le ali colorate degli aquiloni.

 

La gente sempre pi

si lamenta perch nella materia

stretta senza volere ci si trovata,

le bastava, era meglio, essere soltanto

dalla forza di un pensiero immaginata.

 

Creata da qualcuno che sapeva

costruire solamente fantasie,

che a una parvenza riduceva la vita

e le altre cose che le stanno apresso,

tanto anche ora forse

son tutte quante fantasie lo stesso.

 

Esistenze chiamate

a vivere solo per andarsi a confondere

con l=azzurro solenne steso in cielo,

e tutto il resto fatto di niente o di sogni.

 

 

Made of Nothing and of Dreams

 

Real things, concrete things,

are making the world heavy,

they pull downward, they=re nasty, the strings

and colored wings of kites.

 

People complain more and more

because they found themselves

unknowingly within dense matter,

it would have been enough, better,

being only imagined by the power of thought.

 

Created by someone who could

construct only fantasies,

who reduced to appearance

life and all that goes with it,

anyway they=re all fantasies

even now .

 

Existences called

to life only to blend

with the solemn blue of the sky

and all the rest made of nothing and dreams.

 

 

 

Spurcate >e realt (Author's voice)

 

Cheste, cchi >e tutte quante,

hanno avuto furtuna,

songo rimaste cose

r= >o munno >e rinto,

nun so= arrivate a esse

manco nu sentimento, nu penziero,

nne >e mare ca nun so= gghiute a sbatte

ncopp= spiagge straziate >e melma nera.

 

Nun se songo spurcate >e ralt,

nun so= state sfurmate

ra >a stretta >e l=esistenza

ca tene arcigne >e mmane,

nun songo state turmentate a nasce

ra >a fatica >e nisciuna vammana.

 

Hanno astipato intatto

>o bisbiglio r= >e viente c=attraversano

sulo >e paise mute r= >o ssent,

hanno campato >e vvite terse >e l=angele,

senza cunosce >a paura >e mur,

se so= pigliate >e vase

ca ranno >e vvocche eterne

a chi s=abbraccia >a luce

ca sfavillante abbaglia,

e vola fino a >o cielo,

>o tocca e ancora saglie.

 

 

 

Sporcate di realt

 

Queste, pi di tutte,

hanno avuto fortuna,

sono rimaste cose

del mondo interno,

non sono giunte ad essere

neanche un sentimento, un pensiero,

onde di mare che non sono andate a sbattere

sulle spiagge straziate di melma nera.

 

Non si sono sporcate di realt,

non sono state deformate

dalla stretta dell=esistenza

che ha arcigne le mani,

non sono state tormentate a nascere

dalla fatica di nessuna levatrice.

 

Hanno conservato intatto

il bisbiglio dei venti che attraversano

solo i paesi muti del sentire,

hanno vissuto le vite terse degli angeli,

senza conoscere la paura di morire,

si sono presi i baci

che danno le bocche eterne

a chi abbraccia la luce

che sfavillante abbaglia,

e vola fino al cielo,

lo tocca e ancora sale.

 

 

Soiled with reality

 

These, more than all the others,

have had good luck,

they=ve remained things

of the inner world,

they didn=t get to be

even a feeling, a thought,

sea waves that didn=t crash

on the beaches tortured by black mud.

 

They didn=t get soiled with reality,

they=ve not been deformed

by the grasp of existence

that has grim hands,

they=ve not been tormented into birth

by the work of any midwife.

 

The=ve kept intact

the whisper of the winds that cross

only the silent towns of feeling,

they=ve lived the clear lives of angels,

without knowing the fear of dying,

they=ve taken the kisses given by eternal lips

to those who embrace the light

that dazzles with its radiance,

and fly toward the sky,

touch it and keep on rising.