FRANCA RONCHI FRANCARDI Achille Serrao and Francesco Piga



Born in Gubbio in 1923, she has published a few volumes of poetry in her native dialect, the most significant being Lutta de foco, 1957.
Francardi experiments with the archaic, rustic dialect of her native city and this aspect already underscores her ambition to use a linguistic medium far removed from the puristic abuse of dialect of the early twentieth century.
The setting of her poetry remains nevertheless her town and the surrounding countryside, but with "dark shadows," at times with disturbing presences (absent in the poetry of her contemporaries) and signs that remind us of the brevity of life and make us reflect on the values of existence.
The wind, always present in Francardi's poems, is the voice of sorrow and disquiet, echo of dark natural omens, but also a breath of melancholy for a distant past no longer reachable.


Essential Bibliography
La lutta de foco (1957 ); Robbe migne (1960); La canzone del cuore (1962 )


Criticism
"La poesia di Franca Ronchi Francardi," in Il Maggio Eugubino, 1954;
Il Capitolo XXI dei Fioretti nella poesia dialettale italiana, edited by B. Calzolari, Assisi: Centro per la Storia, le Arti e il Folklore, 1978;
"Franca Ronchi Francardi" in R. Zuccherini, La poesia in Umbria, cit., pp. 66-68.


Poems translated by Justin Vitiello

Nostalgia

Quanno che se fa scuro
'ni cosa 'ntorno, 'ntorno par vestita
de nero e d'ombra fitta.
I lumi de sta strède
s'aguardano de logne
e, ntra du' lumi, passan l'ombre scure;
ma 'l còre mio nco'
ce passa e ce s'aferma
quanno che tal paese mio arpenso,
si 'l chèso me f'argì lontan da lue.

Nostalgia - Quando si fa scuro / ogni cosa intorno sembra vestita / di nero e di ombra fitta. / I lumi di questa strada / si guardano di lontano / e fra due lumi passano le ombre scure; / ma anche il mio cuore / ci passa e si ferma / quando penso al mio paese, / se la sorte mi fa partire da lui.

(Traduzione di Achille Serrao)

Nostalgia

When it grows dark
all around looks decked
in black, thick shadow.
The lights of this street
are glimpsed from afar
and mid two lights dark shadows pass;
but my heart passes
and stops as well
when I think of my town -
does fate drive me thence?


La lutta de fòco

Brieve ha la vita
la lutta che dal ciocco te se stacca:
arluce comme 'n sole,
t'abrucia comme 'n foco.
Dal ceppo du che nasce
fugge lontano, fugge 'nfim che mòre
leggiere e zitta, zitta.

La lingua di fuoco - Ha vita breve / la lingua che si stacca dal ciocco: / riluce come un sole, / brucia come un fuoco. / Dal ceppo da cui nasce / fugge lontano fino a morire / leggera e in silenzio, in silenzio.

(Traduzione di Achille Serrao)

Tongue of Fire

The tongue breaking from the log
has a short life:
it glimmers like a sun,
burns like a fire.
From the log of its birth
it flees, strays
till it dies lightly
in silence, silence.

'Na stilla d'acqua

Nte 'na stilla d'acqua c'è tutto 'l monno.
E' scura e chiara; 'l cèl ci arvedi e 'l sole;
te par che drento, lì, ce stia 'nso qué
ch'è tutto e gnente nte 'n momento solo
seconda chi l'aguarda e dua e quanno.
Nte 'na stilla d'acqua è 'l piagne de Natura:
ta 'na lagrima d'òmo s'arsomija.

Una stilla d'acqua - In una stilla d'acqua c'è il mondo intero. / E' scura e chiara; ci si vede il cielo e il sole; / sembra che lì dentro ci sia un chi sa / che è tutto e niente in un momento / a seconda di chi la guarda e dove e quando. / In una stilla è il pianto di natura: / somiglia ad una lagrima d'uomo.

(Traduzione di Achille Serrao )


A Drop of Water

A drop of water is the World.
So dark and clear you see sky and sun
as if within there's a who-knows,
all or nothing in the instant
whoever looks where and when.
A drop is nature's plaint -
like a human tear.

Il vento

Va 'l vento sturza nco le fòie secche,
e sturza a rincorrelle e a gi d'an su:
se chiappano, se lassano e s'afermano.

L'arpiia, tutt'a'n botto, 'l vento a fugge:
se bira; pu' s'arbira, ecco s'artorna;
s'era scordéto de 'na foia secca
e fanno tutti ascième 'n mulinello.

Poi fugge su pe l'albero, nfr'i rami:
li sbatte, li strapazza e ntanto fistia:
se stronca 'n ramoscello ch'è più fino.

S'abassa 'l vento a terra, là nsul prèto,
n'aguarda manch'i petali d'i fiori,
ch'anchinan le corolle adobedienti
e ntanto 'l vento passa sempre mprescia;
cento e cento giochi t'aricomincia,
ma tutto lassa gì, ch'ha prescia 'l vento.

Il vento - Va il vento gioca con le foglie secche / e gioca a rincorrerle e a spingerle in alto: / si prendono, si lasciano e si fermano. // Le germisce, all'improvviso, il vento al volo: / vira: poi si rigira, ecco ::: ritorna: / aveva dimenticato una foglia secca / e insieme fanno mulinello. // Poi fugge sull'albero, fra i rami: / li scuote, li svilisce e intanto fischia; / si spezza un ramoscello, il più esile. // S'abbassa il vento a terra, sul prato, / non guarda neanche i petali dei fiori / che piegano le corolle obbedienti / e intanto il vento passa sempre velocemente: / inizia cento e cento giochi, / ma lascia andare tutto, perché ha fretta il vento.

(Traduzione di Achille Serrao)

I testi sono tratti da La lutta de fòco.


The Wind

It goes, the wind plays with dry leaves,
plays pursuing and lofting them high.
They stick together, part, hesitate.

Suddenly the wind swoops down,
tacking, it swerves and drops again
(it had forgotten one dry leaf
but now, as one, they whirlwind).

Then it's in flight once more mid branches
that it shakes and humbles, whistling all the while.
The most slender branch snaps.

The wind sinks to earth, across the meadow,
never looking back at petals of the flowers
that, compliant, bow their corollas.

The wind, all this time, passes so quick,
launching hundreds and hundreds of games,
but lets all slide for it's in a rush.